ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

DUEMILA EURO SE FAI TRE FIGLI: ​LA PARROCCHIA OFFRE IL BONUS PER IL TERZO BEBÈ.

66
Condivisioni Totali

Duemila euro dal terzo bambino in poi, per dare «un aiuto concreto in questo momento di crisi alle famiglie che con coraggio accettano il dono di un figlio!».

Così è scritto sul sito della parrocchia di Staggia Senese che ha promosso un suo personale bonus bebè per i bambini nati nel piccolo borgo medievale della provincia di Siena, una frazione del comune di Poggibonsi, in Val d’Elsa, duemila abitanti o poco più. Un contributo riservato intanto alle coppie cattoliche italiane e poi, se ci saranno ulteriori fondi, anche a quelle straniere, purché sempre sposate in chiesa. A promuovere l’iniziativa un giovane sacerdote, don Stefano Bimbi, parroco appunto di Staggia.

AIUTO CONCRETO «Abbiamo deciso di aiutare le famiglie numerose con un contributo straordinario – spiega il sacerdote alla Nazione -. La nostra parrocchia vuole dare un aiuto concreto in questo momento di crisi ai genitori che con coraggio accettano il dono di un figlio. Abbiamo purtroppo poche risorse. Il bilancio non è rose e fiori: ciò nonostante il Consiglio per gli affari economici ha deciso all’unanimità il contributo fino all’esaurimento dei fondi» stanziati in bilancio. E se per l’assegno di natalità previsto dallo Stato, per ogni figlio nato o adottato o in affido pre-adottivo tra il primo gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, ci si rifà alle soglie Isee dei nuclei familiari, tra i requisiti per ricevere l’aiuto parrocchiale occorre essere «coppie di cittadinanza italiana, regolarmente sposate in chiesa e residenti a Staggia».

L’ASSEGNO A questi genitori, «dal terzo figlio (in poi), sarà dato il giorno del battesimo un assegno da 2.000» euro. Così si legge sul sito della parrocchia alla voce ‘bonus bebè – 2.000 euro ai bambini nati a Staggia’. «Se le possibilità ce lo consentiranno – spiega ancora don Stefano – in futuro estenderemo il contributo anche alle famiglie straniere. Me lo auguro vivamente. Al momento siamo partiti dagli italiani, non possiamo fare di più». La parrocchia, «come sapete – si legge sempre sul sito – non ha risorse se non le offerte che liberamente le donano i fedeli». Intanto sono già stati concessi dei bonus bebè: dall’inizio dell’anno a oggi sono quattro i bambini nati a cui sono stati donati i 2.000 euro, in occasione del loro battesimo.

Fonte: leggo.it

 

66
Condivisioni Totali

Loading...

Lascia il tuo commento:

commenti