ULTIME NOTIZIE

DUEMILA EURO SE FAI TRE FIGLI: ​LA PARROCCHIA OFFRE IL BONUS PER IL TERZO BEBÈ.

Condivisioni 0

Duemila euro dal terzo bambino in poi, per dare «un aiuto concreto in questo momento di crisi alle famiglie che con coraggio accettano il dono di un figlio!».

Così è scritto sul sito della parrocchia di Staggia Senese che ha promosso un suo personale bonus bebè per i bambini nati nel piccolo borgo medievale della provincia di Siena, una frazione del comune di Poggibonsi, in Val d’Elsa, duemila abitanti o poco più. Un contributo riservato intanto alle coppie cattoliche italiane e poi, se ci saranno ulteriori fondi, anche a quelle straniere, purché sempre sposate in chiesa. A promuovere l’iniziativa un giovane sacerdote, don Stefano Bimbi, parroco appunto di Staggia.

AIUTO CONCRETO «Abbiamo deciso di aiutare le famiglie numerose con un contributo straordinario – spiega il sacerdote alla Nazione -. La nostra parrocchia vuole dare un aiuto concreto in questo momento di crisi ai genitori che con coraggio accettano il dono di un figlio. Abbiamo purtroppo poche risorse. Il bilancio non è rose e fiori: ciò nonostante il Consiglio per gli affari economici ha deciso all’unanimità il contributo fino all’esaurimento dei fondi» stanziati in bilancio. E se per l’assegno di natalità previsto dallo Stato, per ogni figlio nato o adottato o in affido pre-adottivo tra il primo gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, ci si rifà alle soglie Isee dei nuclei familiari, tra i requisiti per ricevere l’aiuto parrocchiale occorre essere «coppie di cittadinanza italiana, regolarmente sposate in chiesa e residenti a Staggia».

L’ASSEGNO A questi genitori, «dal terzo figlio (in poi), sarà dato il giorno del battesimo un assegno da 2.000» euro. Così si legge sul sito della parrocchia alla voce ‘bonus bebè – 2.000 euro ai bambini nati a Staggia’. «Se le possibilità ce lo consentiranno – spiega ancora don Stefano – in futuro estenderemo il contributo anche alle famiglie straniere. Me lo auguro vivamente. Al momento siamo partiti dagli italiani, non possiamo fare di più». La parrocchia, «come sapete – si legge sempre sul sito – non ha risorse se non le offerte che liberamente le donano i fedeli». Intanto sono già stati concessi dei bonus bebè: dall’inizio dell’anno a oggi sono quattro i bambini nati a cui sono stati donati i 2.000 euro, in occasione del loro battesimo.

Fonte: leggo.it

 

loading...
loading...

Loading...
Condivisioni 0

Lascia il tuo commento:

commenti