ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

DIEGO FUSARO LASCIA DI STUCCO MUGHINI. DISTRUGGE OBAMA ED ELOGIA PUTIN. IMPERDIBILE, GUARDATE.

3.4k
Condivisioni Totali

Ospite alla Gabbia, il filosofo Diego Fusaro ha illustrato le ragioni per cui l’Italia e l’Europa dovrebbero stare dalla parte della Russia:

“A sentire il coro giornalistico sembrerebbe di essere in una situazione pre-1989, quando il mondo era diviso in due blocchi dal Muro di Berlino: da una parte con un presidente premio Nobel per la pace che esporta la democrazia a suon di bombardamenti etici; dall’altra la Russia, il male sulla Terra, una minaccia costante per la pace. Si è già deciso da sempre chi è il buono e chi è il cattivo, ma, come sempre, le parti sono rovesciate: il cattivo è Putin e, intanto, i bombardamenti dal 1989 a oggi vengono fatti dagli Stati Uniti d’America, per destabilizzare ogni paese che resiste. Il cattivo è Putin, e intanto le rivoluzioni colorate per destabilizzare governi legittimi in giro per il mondo. Il cattivo è ancora Putin e, intanto, i flussi migratori di cui oggi tanto si parla sono tutti causati dalla destabilizzazione dei governi fatta per il mondo dagli Stati Uniti d’America. E ancora: il cattivo è Putin, e intanto la Russia dal 1989 a oggi è andata contraendosi e non espandendosi, laddove invece le più di 200 basi militari straniere che occupano il territorio europeo sono tutte americane, e non russe. E gli americani stessi, oggi, stanno appoggiando le forze neo-naziste in Ucraina in funzione antirussa. Per queste ragioni credo che ci sia bisogno di una Russia geopoliticamente forte e militarmente autonoma, una Russia che sappia frenare l’imperialismo americano, che sappia frenare, ancora, il dilagare dell’economia capitalistica di stampo americano. L’America vuole dominare il mondo, la Russia vuole un mondo multipolare: per queste ragioni l’Europa dovrebbe guardare alla Russia e opporsi agli USA. Sappiamo che oggi l’Europa oggi non esiste nemmeno geograficamente, esiste solo come Euro.”

3.4k
Condivisioni Totali

Loading...

Lascia il tuo commento:

commenti