Cosa pensano le donne quando sbagli un congiuntivo

loading...

Da un po’ di tempo le donne hanno cambiato i loro gusti.

Una volta cercavano in un uomo la sicurezza, la bellezza, i soldi, la simpatia o il numero di presenze come figurante a Forum; oggi cercano un maschio capace di parlare correttamente l’italiano, che è un po’ come prendere la teoria evoluzionistica di Darwin e buttarla nel cesso, dal momento che vedo difficile difendere la propria prole a colpi di perifrastiche. È anche vero che secondo Darwin non vige la regola del più forte, ma quella del più adattabile, perciò non ci rimane altro che adattarci a questa tendenza cercando di scoprire cosa pensano le donne quando sbagliamo un congiuntivo o commettiamo un’altro errore grammaticale. L’apostrofo appena messo su un altro avrà già fatto salire la pressione a 230 a tutte le lettrici. Avanti che si fredda la pasta.

#1. “Ecco, adesso sono meno eccitata di un pelapatate.”

 

#2. “Ok, ha sbagliato un congiuntivo ma può capitare a tutti, anche a me. No aspetta, a me non capita mai.”

 

#3. “Ho bisogno di uno Xanax.”

 

#4. “Un altro se io sarei, una altro se io sarei! Oddio, mi sta esplodendo la testa, mi sta esplodendo la testa!”

 

#5. “Hai dieci secondi per correggerti…10…9…8…7…6…5…4…3…2…1…mi dispiace.”

 

#6 “WhatsApp, impostazioni, blocca contatto.”

#7. “Posso sopportare tutto ma non un se io potrei.”

 

#8. “Perché? Perché? Sembravi perfetto. Perché anche tu?”

 

#9. “Un congiuntivo sbagliato è per sempre.”

 

#10. “Che sfiga, ero quasi disposta a passare sopra al risvoltino.”

 

#11. “Improvvisamente mi accorgo di quanto assomigli ad un bovino”

 

#12. “Ecco il modo migliore per anestetizzarmi le trombe di Falloppio.”

 

#13. “Non esiste correttore automatico abbastanza potente per la tua ignoranza.”

 

#14. “Non sei abbastanza bello per sbagliare un congiuntivo.”

 

#15. “Forse sto esagerando, forse è peggio giudicare una persona per un errore grammaticale che commettere l’errore grammaticale stesso. Forse dovrei essere meno superficiale e cogliere l’essenza di un ragazzo nella sua interezza, con tutti i miliardi di sfumature che ogni individuo possiede, cercare di guardare nel suo cuore ed evitare di fare la maestrina per nascondere le mie sicurezze. Forse il vero errore lo commetto io…Ma che caxxo vado a pensare? Adesso liquido questo bonobo analfabeta.”

Fonte


Loading...

Lascia il tuo commento:

commenti