ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

Agente Cia in punto di morte: “Ho ucciso Marilyn Monroe”.

22.8k
Condivisioni Totali

Normand Hodges, 78 anni, agente della CIA in pensione sul letto di morte, afferma di aver ucciso Marilyn Monroe.

L’ex agente della CIA dice: “Avevamo la prova che Marilyn Monroe aveva una relazione non solo con Kennedy, ma anche con Fidel Castro. Mi è stato detto che doveva morire, e doveva sembrare un suicidio o un’overdose.”

L’uomo dichiara di aver commesso 37 omicidi per il Governo degli Stati Uniti tra il 1959 e il 1972. Ma quello di Marilyn fu diverso per lui, perché fino ad allora non aveva mai ucciso una donna.

Si può solo immaginare ciò che la coscienza di un uomo debba essere dopo aver commesso tanti omicidi, ma persino sul letto di morte era freddo, dicendo che non provava alcun rimorso per quello che aveva fatto.

“L’ho fatto per l’America! Avrebbe potuto trasmettere informazioni strategiche ai comunisti, e non potevamo permettere che accadesse! Doveva morire! Ho solo fatto quello che dovevo fare!”

Alla fine la verità viene sempre a galla, come per JFK, anche in questo caso è coinvolta ampiamente la CIA.

Ascoltiamolo dallo stesso Kennedy in questo discorso alla nazione, poco prima di essere ucciso per il suo decreto 11110, che dava alla nazione l’indipendenza dalla banca centrale americana, sede del potere decisionale del paese, permettendo di stampare moneta priva di debito, senza chiederlo in prestito alla banca centrale privata la FED.

22.8k
Condivisioni Totali

Loading...

Lascia il tuo commento:

commenti