ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

ECCO UNA SOSTANZA FATALE PER IL NOSTRO CORPO CHE MANGIAMO TUTTI, ANCHE I BAMBINI! CONDIVIDILO!

10 Motivi per evitare l’Aspartame a tutti i costi

L’aspartame è un dolcificante artificiale consumato nel mondo da oltre 200 milioni di persone. E’ utilizzato in oltre 6000 prodotti, fra i quali bevande light, gomme da masticare, dolciumi, caramelle, yogurt, farmaci, in particolare sciroppi e antibiotici per bambini. La quantità giornaliera di assunzione di aspartame permessa dalle normative vigenti è di 40 e 50 mg/Kg di peso corporeo, rispettivamente in Europa e negli USA.

Per anni le bibite light sono state considerate l’alternativa perfetta alle bibite normali, che sono ricchissime di zuccheri e calorie. Potevi bere una bibita light, dolcificata con aspartame, senza sentirti in colpa, e il gusto era simile a quello della sua controparte poco salutare.

Ma a quale costo?

Di recente le vendite di bibite light sta crollando – soprattutto la Diet Coke della Coca Cola – dato che il dibattito sull’aspartame sta raggiungendo nuovi picchi. Gli esperti si chiedono se l’aspartame sia davvero una buona alternativa allo zucchero e ormai molti mettono in guardia i consumatori verso i potenziali effetti dannosi di questa sostanza. La sicurezza dell’aspartame è stata messa in discussione da alcune ricerche che mettono in relazione l’utilizzo del dolcificante artificiale con problemi alla vista e mal di testa, e sono solo alcuni dei dieci buoni motivi per evitare l’aspartame a tutti i costi.

1. PROBLEMI DI VISTA

Alcuni casi di dolori agli occhi, visione confusa e secchezza oculare sono stati messi in relazione con il consumo di aspartame. L’aspartame è costituito di fenilalanina, acido aspartico e metanolo. Il metanolo sarebbe potenzialmente tossico per la nostra retina e per il nervo ottico e causerebbe diversi tipi di problemi agli occhi. C’è motivo di preoccuparsi quando cibo e bevande che contengono aspartame sono stata conservate per lunghi periodi di tempo o esposte al calore – la scomposizione dell’aspartame nelle sue componenti può rendere il prodotto tossico per gli occhi.

2. MAL DI TESTA ED EMICRANIE

Molte persone che soffrono di mal di testa ed emicranie hanno alcuni fattori scatenanti, e spesso si tratta di fattori che hanno a che fare con la dieta. Ad esempio cioccolato, vino rosso e altri cibi e bevande molto comuni, e la Mayo Clinic indica anche l’aspartame tra i potenziali fattori scatenanti delle emicranie. Così come per la caffeina e per l’alcool, non è necessario consumare molto aspartame perché questo causi regolarmente mal di testa ed emicranie; molti medici consigliano di eliminare dalla dieta cibi e bevande che lo contengono per questa ragione. Se soffri di qualunque forma di mal di testa, evitare l’aspartame potrebbe aiutarti.

3. PROBLEMI LEGATI AL DIABETE

Anche se i dolcificanti artificiali sono un’alternativa diffusa tra i diabetici, l’aspartame ha una fama controversa e potrebbe non essere una buona idea utilizzarlo se sei diabetico. Alcuni studi suggeriscono che l’aspartame potrebbe diminuire la sensibilità all’insulina. Una ricerca svolta dall’American Diabetes Association solleva delle preoccupazioni sul fatto che i diabetici che mangiano cibi contenenti aspartame prima di fare attività fisica potrebbero avere un calo improvviso della glicemia. Per via di ricerche come questa, molti specialisti del diabete pensano che l’aspartame non sia un’alternativa sicura allo zucchero, e suggeriscono ai diabetici di evitarlo.

4. IMPEDISCE IL DIMAGRIMENTO

Quando vuoi perdere peso spesso cerchi cibi che contengano pochi carboidrati e zuccheri, e ci sono molte opzioni disponibili. Tuttavia i prodotti senza zucchero sono in genere dolcificati con dolcificanti artificiali, come l’aspartame, che non ti aiutano sempre a dimagrire. Anzi, i cibi dietetici lavorati industrialmente possono, di fatto, impedirti di perdere peso – il tuo corpo si aspetta i carboidrati per via del sapore del cibo. Se i carboidrati però non arrivano, si scatenano i crampi tipici della fame e si finisce per abbuffarsi. Invece di sostituire lo zucchero con alternative dietetiche, mangia cibi freschi e bevi acqua con limone, lime o cetriolo, così potrai ottenere i carboidrati che ti servono senza lo zucchero.

5. PEGGIORA I DISTURBI DELL’UMORE

Alcuni studi hanno evidenziato che l’aspartame ha effetti collaterali sulle persone che soffrono di depressione. Può peggiorare i disturbi dell’umore, e un’importante ricerca è stata addirittura bloccata prima del previsto perché l’effetto sui soggetti del test era troppo dannoso. Se soffri di depressione o se ne hai sofferto in passato il tuo medico dovrebbe essere informato della tua dieta, compresi i cibi che contengono aspartame. La buona notizia è che l’aspartame non causa di per sé la depressione, ma se già ne soffri cerca di scegliere altri dolcificanti artificiali, oppure evitali e basta.

6. INFIAMMAZIONI E DOLORI ARTICOLARI

Ci sono stati diversi casi di dolori articolari e infiammazioni dopo il consumo di aspartame. Si pensa che molte persone siano allergiche all’aspartame – il corpo cerca di proteggersi dai composti chimici che si trovano nel dolcificante dando origine a una reazione allergica. I tessuti molli si infiammano causando dolore e disagio. Un test degli allergeni può confermarti se sei allergico o meno all’aspartame, e l’unica cura possibile è eliminarlo completamente dalla tua dieta. Se sei soggetto a dolori articolari e infiammazioni evita l’aspartame.

7. CRAMPI ALLO STOMACO

Quando l’aspartame è stato messo sul mercato per la prima volta nei primi anni ’80 per dolcificare le bibite, la FDA ha ricevuto delle proteste sugli effetti collaterali e le reazioni al dolcificante. I crampi allo stomaco erano una lamentela comune, soprattutto nei primi anni in cui i prodotti dietetici sono stati messi sul mercato. Oggi molte persone che soffrono di crampi addominali e di crampi allo stomaco dicono che una volta eliminati i dolcificanti artificiali dalla dieta, in particolare l’aspartame, i sintomi sono spariti. E sembra che non ci siano effetti a lungo termine una volta che si cambia alimentazione.

8. AUMENTO DEL RISCHIO DI ATTACCHI EPILETTICI

Secondo LiveStrong.com l’aspartame è il cibo rispetto al quale l’FDA riceve più proteste. Si pensa che almeno il 30% delle persone siano sensibili all’aspartame. Il fatto interessante è che ci sono migliaia di casi di lamentele di piloti aerei nei confronti dell’aspartame, e gli attacchi epilettici sembrano essere il motivo principale. È possibile che il metanolo che si trova nell’aspartame e nelle bibite dietetiche causi una reazione tossica più grave quando viene consumato a elevate altitudini, ad esempio su un aereo. L’altra teoria è che i piloti consumino più bibite dietetiche durante il volo, aumentando la possibilità di effetti collaterali come gli attacchi epilettici.

9. PROBLEMI DI UDITO

L’FDA ha una lista di circa 90 sintomi documentati correlati al consumo di aspartame: perdita di udito, trilli e ronzii nelle orecchie e intolleranza ai rumori, sono solo alcuni di questi sintomi. Gli acufeni sono un suono debilitante che si sente nelle orecchie ed è comune in persone che consumano bibite dietetiche. La perdita di udito associata ai casi di acufeni può essere permanente. La buona notizia è che sembra che la maggior parte degli altri problemi legati al consumo di aspartame possano essere risolti semplicemente evitandolo.

10. STUDI CONTROVERSI SUL CANCRO

L’aspartame sarebbe stato messo in relazione anche ad alcune forme di cancro. Anche se è stato approvato dalla FDA e se il suo utilizzo nel cibo è limitato, continuano a esserci delle preoccupazioni riguardo al modo in cui il corpo assorbe l’aspartame. A differenza di altri popolari dolcificanti artificiali, il corpo metabolizza l’aspartame quando lo ingerisce, cambiandone la struttura chimica. Anche se il governo afferma che gli studi non mostrano alcun legame tra il consumo di aspartame e il cancro, sembra che studi finanziati da enti indipendenti evidenzino un legame, soprattutto con i tumori al cervello. (Fonte)

CONDIVIDETE PER INFORMARE PIU’ GENTE POSSIBILE!!

Lascia il tuo commento:

commenti