ULTIME NOTIZIE
loading...
loading...

Roma: turista giapponese viene accerchiato da 5 rom, tre di loro gravemente feriti e due in fuga

Riportiamo questa notizia consapevoli di quello che può significare per tutti noi condividere una notizia di questo tipo.
Trattasi infatti di una notizia creata ad arte, una bufala insomma.

Quali sono i motivi che hanno spinto tante persone a condividere questa notizia?

Cosa vuol dire approvare questo genere di comportamento?

Gli eroi come il signore della bufala sono quello che noi vorremmo fare in certi contesti?

Però non è la solita bufala è qualcosa di più andiamolo a scoprire insieme.

La storia raccontata si divide in questi cinque punti:

Punto 1: Turista straniero a Roma con la moglie
Punto 2: Ladri in stazione pronti ad aggredirli per derubarli
Punto 3: La reazione che tutti vorrebbero fare in questi casi, una bella dose di mazzate per ristabilire immediatamente la giustizia
Punto 4: Gli aggressori vengono malmenati e feriti gravemente
Punto 5: Il turista viene arrestato ed accusato di lesioni gravi

In queste fasi vediamo come si ripresentano le stesse circostanze avvenute per altri casi, per esempio quella del benzinaio Stacchio, reo di aver difeso persone care ed accusato di eccesso di legittima difesa…

In questa bufala c’è quindi il riassunto di quello che accade comunemente in Italia, dove i ladri sono tutelati dalla legge, mentre chi si difende da essi, costretto a farlo data la straordinaria carenza di forze di polizia e di vigilanza in aree sensibili, riceve la punizione.

Quindi il messaggio che passa è che le persone vorrebbero potersi difendere da sole, in mancanza delle istituzioni, che però sono presenti e condannano chi si difende.

A questo punto c’è da domandarsi, gli italiani sono adeguatamente protetti dallo stato che pagano con le loro ore di lavoro?
Paghiamo le tasse per avere dei servizi, uno di questi, la sicurezza nei luoghi pubblici è garantito?
Stiamo effettivamente ricevendo il servizio per cui stiamo pagando le tasse più alte del mondo?

Il numero elevatissimo di condivisioni, fa notare come nelle persone ci sia una voglia di rivincita, sono troppi infatti i casi in cui gli aggressori la fanno franca perchè la legge protegge chi delinque e non chi paga le tasse onestamente.

TESTO DELLA BUFALA

ROMA – Il detto “non sai mai chi hai davanti” è divenuto realtà questa mattina nei pressi della Stazione Termini di Roma. H.E Yoshihiko Kamo, campione di Ju-Jitzu Giapponese, si trovava a Roma nei panni di turista insieme a sua moglie. Punto 1

Il lottatore sarebbe stato accerchiato da 5 rom i quali gli avrebbero intimato di consegnargli il borsello in cui teneva portafogli e telefono a lui e la borsa alla moglie. Punto 2

Dalle ricostruzioni delle telecamere si vedono i 5 rom girare intorno alla coppia e uno di loro, il più grosso, prendere di petto il giapponese.
L’atleta è rimasto immobile finché uno dei rom non ha provato a tirare la borsa della moglie trascinandola quasi in terra. Punto 3

A quel punto il campione di Ju-Jitzu ha iniziato a roteare su se stesso sferrando calci girati e pugni a tutti e cinque i rom, saltando da una parte all’altra come una molla impazzita. Due dei rom sono riusciti a fuggire, mentre tre di loro sono stati portati d’urgenza al Policlinico Umberto I e la prognosi resta riservata. Punto 4

Il Giapponese è stato arrestato momentaneamente con l’accusa di lesioni aggravate. Punto 5

Nota: il nome del nostro eroe e la foto non corrispondono, infatti H.E Yoshihiko Kamo è un anziano ambasciatore e non certo un atleta di uno sport inventato, infatti il Ju-Jitzu non esiste ma esiste il Ju-Jitsu con la S e non con la Z…

Foto del vero H.E Yoshihiko Kamo l’uomo giapponese a sinistra
phpuyr3afam

A questo punto è chiaro che la gente comunque ha sete di giustizia, quella vera però, dove i criminali vengono trattati come tali e subiscono loro una condanna immediata e giusta…

Lascia il tuo commento:

commenti